Mi sforzo di immaginare
che tutto è a posto che tutto va
intanto per non sbagliare
mi sveglio e canto…
Qualcosa mi dice che sarebbe meglio pensassi a me…
e invece niente
sono afflitto dal mondo anch’io
seguo la gente
il suo male lo faccio mio…

Cambio le serrature,
ma questo cuore mi vola via
vivo con dignità la mia latitanza
ma puntualmente torno voce nel coro
aspettando che…
la notte scenda
perchè la notte somiglia a me
è molto calda
bugiarda anche lei non è

Privo di un’etichetta
infilo il naso dove mi va…
brucio la vita eppure non ho fretta
rifiuto l’uniforme
gli inviti della pubblicità
pranzo coi neri ceno coi rossi
mi fidanzo con chi mi va…
io sono strano
forse per questo più umano e già
io sono strano
se vuoi vedere che effetto fa…
sali sul treno…

Advertisements
This entry was posted in No category. Bookmark the permalink.

One Response to

  1. LilaLuna says:

    le ultime dodici righe mi piacciono. un bacio fabietto!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s