Tideline, Penny Hancock, 3 stelline e 1/2

Sulla strada per casa ascolto il drivetime di BBC2 radio, e ogni 2 settimane
c’e’ il book club, dove invitano in studio un giovane scrittore per discutere della sua ultima (e a volte prima) fatica letteraria. Sul sito si puo’ anche scaricare
una parte dei libri, e se il sample e l’intervista mi son piaciuti mi scarico
poi il romanzo intero sul kindle.

Cosi’ ho fatto con soddisfazione con Tideline, la storia del rapimento del
quindicenne Jez da parte di un’amica di famiglia, Sonia.
Durante il racconto della prigionia il segreto del passato di Sonia verra’
poco alla volta alla luce, svelando cosi’ anche i motivi che hanno spinto al
rapimento di Jez.

PIU’: Strutturato in brevi capitoli il romanzo si fa leggere molto bene. Si
intuisce presto che Sonia ha evidenti disfunzioni mentali ma l’autrice e’
abile nel non porla eccessivamente in cattiva luce, cosi’ che quasi si fa il
tifo perche’ Sonia la faccia franca (poi c’e’ da dire che, dal punto di vista
di un lettore maschio, la situazione di Jez, ragazzino tenuta in cattivita’ ma
ben accudito da una moderna gnocca quarantenne non appare proprio drammatica). Mi son piaciute anche le riflessioni sulla Londra che cambia aspetto, dall’adolescenza di Sonia ad oggi, e sulle “inglesita'” degli inglesi.

MENO: Alcune fasi della prigionia risultano troppo inverosimili, in
particolare Jez sembra metterci una vita a capire cosa gli stia
succedendo. Quasi tutto il racconto e’ incentrato sulla donna, Jez
viene un po’ trascurato forse perche’ sarebbe troppo difficile
giustifcare la sua ingenuita’.

Advertisements
This entry was posted in Review and tagged , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Tideline, Penny Hancock, 3 stelline e 1/2

  1. diatarn_iv says:

    Ola Claudietto, ola Bela… avevo smesso di controllare il blog causa stato di abbandono ma ora vedo che ha ripreso vita e che addirittura non parla solo di inter!

    A proposito di libri, 3 cose:
    1 Infinite Jest ce l’ho a casa da quei 5 anni ma non son mai riuscito a leggerlo, forse per il problema del peso (come dici tu non e’ esattamente un libro da treno)
    2 Se ti piacciono i gialli svedesi, butta un occhio a quelli degli anni ’60 di Sjowall e Wahloo (il primo mi pare sia Roseanna)
    3 Fra i classici in inglese, raccomando caldissimamente Huck Finn: ci han fatto un cartone animato, ma non e’ per nulla un libro per bambini

    vabbe’, ci sentiamo (non escludo di avere persino le passwd x scrivere su questo blog). In bocca al lupo per il samuele-bis. Infine, sai che dalle tue parti arrivera’ tal alessia gualandris?

    Like

  2. tuttofaunpomale2 says:

    Ciao Ema, what a surprise! Effettivamente mi intristiva questo blog sulla via della rottamazione, e ora approfittando dei viaggi in treno x arrivare al lavoro riesco a darmi alla lettura e anche a scrivere le mie reviews genialoidi a volte!
    qua tutto bene, la grande novita’ e’ che son diventato papa’ x la seconda volta 2 giorni fa, dopo il maschietto Sami (3 anni ormai!) e’ arrivata la baby Olivia.
    Graze x i suggerimenti, e’ il primo libro svedese che leggo, me l’hanno regalato a qualche natale e mi ha piacevolmente sorpreso, provero’ con gli anni 60 allora, sempre mitici! Huck Finn l’avevo letto quando ero stato un exchange student in Ohio un milione di anni fa, quindi forse dovrei rileggermelo, me lo ricordo divertente pero’! Infinite Jest c’ho messo anch’io una vita a decidermi a leggerlo nonostante avessi letto altre sue cose che mi erano piaciute molto, ribadisco il consiglio del post, provare prima con qualche sua storia breve prima d’avventurarsi con IJ, alcune parti early on potrebbero scongiurare un lettore occasionale.
    e certo che lo sapevo di Alessia, arriva a settembre mi sembra, e’ stata qua un mesetto fa e ha fatto un ottimo talk (almeno credo, non so niente io di queste sue mega simulazioni) e abbiamo chiaccherato un po’, penso si trovera’ bene qua, l’ho trovato cambiato per niente dai vecchi tempi. Spero anche tu tutto OK, salutami Michela!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s