Holiday report (Inter Roma 2-3)

Avevo tre grandi obiettivi in questa mia settimana di vacanza italiana, tre cose che per mancanza di materia prima e’ impossibile fare in Inghilterra: passare piu’ tempo possibile al sole, mangiare piu’ focaccia possibile e andare a vedere l’Inter. Con le prime due nessun problema, dopo una settimana son tornato abbronzato e con tre chili in piu’. Andare a vedere l’Inter e’ invece piu’ complicato dell’eleggere un presidente della Repubblica.

Ho cominciato dal posto piu’ ovvio, il sito dell’Inter. A parte la limitazione a 4 biglietti (noi si era in 6) inter.it voleva anche la tessera del tifoso, che per motivi ideologici (Maroni e’ un idiota) non ho e mai faro’. Il lunedi’ allora provo in banca, ma alle 15:45 era gia’ chiusa. Ci torno il martedi’ mattina, e mi dicono che hanno bisogno delle fotocopie delle carte d’identita’, ci diamo appuntmanto quindi l’indomani per avere il tempo di recuperare tali fotocopie. Mercoledi quindi ci riprovo, ma mi dicono che non possono piu’ vendermi i biglietti perche’ e’ il giorno stesso dell'”evento” e loro fanno solo prevendita e la prevendita e’ chiusa. Non mi scoraggio e torno a cercare online, trovo i biglietti su un sito che non avevo mai sentito ma non mi dicono che posti sono e rinuncio. 550stadio-San-Siro-MilanoRimane l’ultima opzione, prenderli direttamente in biglietteria a San Siro. La coda e’ chilometrica, e davanti a noi ci sono 2 tizi che insistono nel volere i biglietti anche se non hanno con loro la carta d’identita’, quando finalmente e’ il nostro turno sono le 20:40 e troviamo miracolosamente 6 posti vicini in primo anello arancio a 10 metri dalla bandierina del corner, sotto la curva nord, ce l’abbiamo fatta.

Il primo tempo e’ equilibrato, verso le mezz’ora riusciamo a mettere assieme 3 passaggi di fila e Jonathan insacca, sono momenti di euforia e tenerezza che un giorno narrero’ ai miei nipotini (o gli diro’ di venire a leggersi il blog). La corazzata Inter da i primi segni di cedimento in chiusura di tempo, la difesa si apre come il burro e Handanovic fa il solito miracolo.
Inizia il secondo tempo, Stramaccioni cambia fascia ad Alvarez e Schelotto col risultato di neutralizzare la nostra unica “arma” offensiva, la Roma inizia a dominare e con una facilita’ che neanche all’oratorio in 10 minuti ci fa 3 gol, la gente comincia a sfollare, la curva srotola striscioni di moderata contestazione, la tristezza prende il sopravvento, i nostri 11 eroi sono impotenti e son fuori anche dalla Coppa Italia.

Handanovic, 10: straordinerio, come diceva Sacchi.
Samuel, 6: Samuel got personality, personality goes a long way, un campione
Ranocchia, 4: penso non gli riuscira’ mai l’impresa di trasformarsi in un principe, ne’ in un difensore decente
Jonathan, 7: grande gol
JJ, 4: impreparato, come dicevano alle superiori
Zanetti, 4: Gli son rimaste solo le ridotte.
Kovacic: 8: un talento, ma la mezza punta ancora non la sa fare
Kuzmanovic, 6: si pesta i piedi con Kovacic, fa il suo
Schelotto, 3: fuori condizione, non ne azzecca una, in difficolta’, nessuno lo aiuta
Alvarez, 7: primo tempo strepitoso sulla fascia, non ne ha piu’ nel secondo ma ci prova fino alla fine
Rocchi, 5: solitario, mai una volta che venga a cercare palla

Stramaccioni, 2: dice di dare il 110% ma in campo c’e’ una squadra ridicola, nessuno si muove, chi ha la palla fra i piedi non ha mai a chi passarla, il centrocampo si squaglia alla prima difficolta’, un disastro.

Advertisements
This entry was posted in No category and tagged , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Holiday report (Inter Roma 2-3)

  1. ripa says:

    Pensa, ho visto anchio un pezzo del primo tempo! stavo cenando da mia madre, che stava guardando “chi l’ha visto” ed alla 12ma domanda del cazzo in 3 minuti (“ma lei voleva bene a sua figlia?” chiesto alla madre della poveretta ammazzata a garlasco) ho minacciato un lancio di oggetti sulla tv. Io avrei preferito spegnere, il compromesso e’ stata la partita.
    dopo questa “premessa”, 2 commenti:
    1) S. Siro non mi sembrava esattamente “al limite della capienza”.. per cui forse non e’ stato questo gran miracolo trovare 6 posti alla biglietteria
    2) A me sembrava che gia’ nel primo tempo (specie all’inizio) ci fosse un predominio romanista (un po’ sterile, ok.. tanto che alla fine hanno incassato una pappina).. non oso pensare a come avete giocato nel secondo..

    Like

    • tuttofaunpomale2 says:

      lo so che sotto sotto sei un grande tifoso!
      premessa: non molto grato di non poter guardare la tv italiana
      1) beh si enfatizza sempre un po’ sul blog, in realta’ il terzo anello era chiuso a parte x i tifosi della roma, i primi due anelli mi son sembrati belli pieni, sopratutto nei settori centrali
      2) penso che nel primo tempo il predominio fosse “voluto” e tattico, nel senso che l’inter sa di far cagare e di prendere facilmente gol in contropiede, e quindi cercavano di difendersi con ordine e farlo loro, il contropiede. nel secondo tempo e’ successo che la roma ha cominciato a giocare per davvero purtorppo!

      Like

  2. ripa says:

    Certo che sono un grande tifoso: di PedState, dei Pippons e dell’Ambri’ Piotta!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s