Tomorrow in the battle think on me, (Mañana en la batalla piensa en mí), Javier Marías, 4 stelline

Mañana en la batalla piensa en míLa storia e’ racconata da Victor, ed e’ una confessione: al suo primo appuntamento “clandestino” a casa di Marta, appena finiti a letto lei ha un malore e nel giro di qualche minuto le muore di fianco, mentre lui si guarda un vecchio film in bianco e nero alla TV. Scosso, Victor se ne va, abbandonando anche il figlio duenne di Marta che sta dormento ignaro nella sua cameretta.

Javier Marías scrive i libri piu’ densi che io abbia mai letto. A volte per pagine non succede granche’ e Marías ne approfitta per accumulare idee, osservazioni e giudizi di Victor un po’ su tutto, atteggiamenti, abiti, relazioni, sentimenti, spesso ripetuti con leggere variazioni. La cosa strana e’ che raramente diventa pesante, in parte grazie al suo stile avvolgente come un’azione dell’Inter (ahah), ma sopratutto perche’ non e’ mai banale (ma ripetitivo si’).  Ed e’ magistrale il finale, che e’ in realta’ una contro-confessione, quando tutte le intuizioni e le considerazioni di Victor trovano il loro posto naturale e sembrano dare un’apparente razionalita’ alla bizzarra notte passata a casa di Marta. Le pagine che mi son piaciute di piu’ sono quelle dell’incontro con un molto umano Re di Spagna.

Advertisements
This entry was posted in No category and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s