“Therese Raquin” – Emile Zola 4 Stelline

Dopo La delusione del diario di una sottomessa, ho deciso di tornare all’alta letteratura.

Therese è una fanciulla orfana cresciuta con la zia, e il cugino malaticcio. Vivono in una piccola merceria a Parigi, tra il lavoro e la quotidianità familiare. Il Matrimonio tra i cugini, fu tanto inevitabile quanto privo di qualsiasi significato. La vita trascorreva monotona nella bottega di merceria dei protagonisti, e il lavoro di Camille (il cugino) alle ferrovie, fino all’arrivo in scena di Laurent, conoscente d’infanzia di camille e collega d’ufficio, che si insinua nella vita della famiglia, bruciando un’ardente passione con la giovane Therese del quale diventa amante appassionato. Durante una gita al fiume architettano l’omicidio perfetto, per sbarazzarsi del marito scomodo. Laurent getta Camille nel fiume e ottiene buone testimoniante del suo eroico gesto  nel tentativo, fallito, di metterlo in salvo.

Grazie a quest’alibi perfetto, tornano ad una vita normale nell’attesa del nuovo matrimonio tra i due amanti.

Mantenuti dall’aziana merciaia, i due cercano di dedicarsi al loro amore, ma il “fantasma” dell’annegato si insinua tra i due allontanadoli sempre più trasformando l’antico amore in un odio profondo che li porterà a gesti fatali.

 

 

 

Advertisements
This entry was posted in No category. Bookmark the permalink.

3 Responses to “Therese Raquin” – Emile Zola 4 Stelline

  1. ripa says:

    Io di Zola ho letto l’Assommoir (molto tempo fa) e Germinal (piu’ di recente). In entrambi i casi, quando ho finito il libro ero indeciso fra il suicidio e l’impiccagione postuma dell’autore. Non perche’ scrivesse male – anzi – ma perche’ Zola prima ti fa amare dei personaggi, e poi sembra ci provi gusto a distruggerli nella maniera piu’ abietta. Roba che l’ideale dell’ostrica di Verga sembra un idillio: il finale dei Malavoglia e’ sconsolato, amaro.. ma non disperato ne’ abruttito come quelli di Zola.
    Razionalmente, capisco che Zola pensasse che nascondere/edulcorare i lati piu’ abietti fosse una fuga dalla realta’.. e probabilmente aveva pure ragione. Ma dal punto di vista emotivo mi mette a durissima prova.

    Like

  2. Sable says:

    siete due sentimentali (rido). Claudio, prima o poi ti ingaggiano per fare la quarta di copertina, come Calvino!
    buona domenica

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s