North and South, Elisabeth Gaskell, 4 stelline

North-and-South-north-and-south-30007634-1280-720Consigliato dalla mia piu’ cara nonche’ unica amica-blogger (che per fortuna resiste altrimenti qua ci sarebbero piu’ scrittori che lettori, anche se Bela si e’ come al solito dato alla macchia, perlomeno finche’ in Svizzera prenderanno ancora i frontalieri) ho letto questo North and South con piacere dopo un po’ di difficolta’ ai primi strani capitoli, dove tra l’altro compare gia’ una prima proposta di matrimonio (respinta, of course), due tralsochi, un viaggio di nozze e una crisi spiritual-religiosa.

La protagonista del romanzo e’ l’eroina Margaret, che subisce uno shock ambientale e culturale quando suo padre, parrocco di provincia nel sud dell’Inghilterra, abbandona la grande madre Chiesa Inglese causa crisi di coscienza e si trasferisce con la famiglia nella nebbiosa e industriosa Milton (Manchester). Per Margaret e’ uno shock, Milton infatti si rivela un disastro fra freddo, smog e le condizioni dei quartieri degli operai che si sono spostati in massa nella grande citta’ in cerca di lavoro. E poi si deve adattare ai diversi codici sociali del nord, dove sta emergendo la nuova borghesia imprenditoriale, di cui Margaret viene a conoscere Mr Thorton, industriale della seta che prende lezioni private dal padre di Margaret finendo naturalmente per innamorarsi della bella funciulla.

E’ stato curioso nel romanzo l’osservare questa fase di grande cambiamento sociale attraverso il filtro di due donne, l’eroina Margaret ed Elisabeth Gaskell stessa, che non avra’ il talento delle sorelle Bronte o della Austin ma che riesce a trattare nello stesso romanzo la lotta operaia, la questione femminile, l’immobilismo dell’aristocrazia e la liberta’ religiosa, not bad. Tutta la vicenda gira attorno al rapporto fra Margaret e Mr Thorton con passaggi repentini da un capitolo all’altro dall’antipatia a pelle ad una proposta di matrimonio (respinta un’altra volta, Margaret non e’ un tipino facile), ma come va a finire non ve lo dico anche se si puo’ facilmente immaginare.

Advertisements
This entry was posted in Review and tagged . Bookmark the permalink.

3 Responses to North and South, Elisabeth Gaskell, 4 stelline

  1. Emanuele Ripamonti says:

    E io che avevo pensato alla solita guerra di secessione gringa!

    Like

  2. Sable says:

    Rido e strarido alla visione maschile del romance :-)) (anche al commento di Ripa). Io ho trovato fantastico tutto quello scrivere in quella lingua strana (dialetto?) e parlare più di scioperi, di condizioni operaie, di differenze sociali che di sti due che si propongono/respingono a tutta randa. Il tutto per mano di una donna, che non è poco per quei tempi lì.

    Like

  3. tuttofaunpomale2 says:

    non so se e’ un dialetto o e’ che a manchester proprio parlano cosi’, non si capisce mai una mazza!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s