Reviews natalizie

Quando d’estate arrivo al mare una delle mie prime tappe e’ una bella edicola-libreria sul lungomare dove faccio rifornimento di fumetti della bonelli, di vecchie raccolte di fumetti storici tipo braccio di ferro, di altri fumetti vari di cui m’ispira la copertina, della gazzetta e di un paio di libri in edizione economica o paperback di autori che non ho mai sentito nominare ma di cui mi piace il titolo e/o il riassuntino in quarta di copertina. Il problema con ‘ste letture estive e’ che 2 dei 3 libri li ho appena finiti adesso, e percio’ la recensione natalizia.

afterdark(USnew)After Dark, Haruki Murakami, 3 stelline Incomincio dal primo che e’ quello che son riuscito a leggere in spiaggia, visto i mesi che son passati ed il frequente uso di sostanze allucinogene (magari, ultimamente mi limito al whisky scozzese) me lo ricordo un po’ vagamente, ma e’ la storia di due ragazzi che si conoscono per caso in una notte di una Tokyo egosita e in un certo senso de-umanizzante. Non succede granche’ e a parlare e’ solo lui ma in qualche modo i due finiranno per comprendersi e anche a far nascere un po’ di affetto. Devo ammettere che ‘sto libro non mi e’ stato chiaro, permeato da generica visione di un mondo alienante in cui pero’ in qualche modo “nessun uomo e’ un’isola” ma non ci ho trovato grandi spunti. Ma di sicuro ha una scrittura bella e delicata, altri romanzi gli saran venuti di sicuro meglio. Non ho capito perche’ il titolo e’ in inglese.

husbandThe Husband’s secret, Liane Moriarty, 2 stelline Questo “thriller” per casalinghe me lo son portato dall’Inghilterra e l’ho finito solo adesso un po’ perche’ l’ho letto assieme a Debora, e un po’ perche’ dopo un avvio promettente dopo un centinaio di pagine si svela quale sia questo “husband’s secret” e da li’ purtroppo non succede piu’ niente d’interessante. Sconsigliato a casalinghe e non.

cityofglass0012Trilogia di New York, Paul Auster, 4 stelline Questa e’ stata la migliore lettura vacanziera, in realta’ Citta’ di vetro e Fantasmi me li son letti al mare e poi ho aspettato un po’ per La stanza chiusa e forse e’ stata una buona mossa, che e’ stata la storia che mi son gustato di piu’. In un certo senso son tutte e tre delle detective-story, con appostamenti, pedinamenti e ricerche ma in cui non ci sono dei veri e propri delitti e dove le mosse e le ragioni dell’uomo pedinato rimangono a lungo misteriose. I “detective” a poco a poco si perdono nella ripetitivita’ dell’inchiesta e finiscono per immedesimarsi con le loro “prede” fino a dubitare della loro stessa identita’.

Advertisements
This entry was posted in Review and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

5 Responses to Reviews natalizie

  1. Emanuele Ripamonti says:

    Finalmente un libro (NY trilogy) che ho letto prima io!!! anche se mi ricordo abbastanza poco (in particolare qualche dettaglio sulla prima storia.. tipo che viene messa in moto quando il tizio riceve una telefonata – sbagliata? – da qualcuno che cerca Paul Auster.. o qualcosa di simile), se non che m’era piaciuto, piu’ per la forma che per le storie un po’ assurde.

    Like

  2. tuttofaunpomale2 says:

    si’, le storie sono ingarbugliate e anch’io la trama delle 2 che ho letto in estate gia’ non saprei piu’ ricostruirla, in un certo senso mi son sembrate storie un po’ “kafkiane”

    Like

  3. Emanuele Ripamonti says:

    Infatti. Btw, l’altra sera per la prima volta ho visto “Sunset Boulevard”; te lo dico perche’ la prima meta’ del film (pur del 1950) mi ha in qualche modo ricordato Auster (non che questo sia l’unico merito del film)

    Like

  4. Sablesse says:

    Cappero, ho mancato la review natalizia! Anche qui Auster unico pervenuto, ma io ormai sono regredita alla non-lettura e tra breve passerò anche alle espressioni preverbali (forse l’unico linguaggio ce risulterà comprensibile ai miei utenti più insopportabili). Insomma auguri di buon anno in ritardissimo, Claudio, leggo con molto piacere che hai passato le Feste bene e nella casa-tua italiana. Auguri anche a Ripa, ospite fisso del tuo blog, che s’è dato alle visioni filmiche nostalgiche 🙂

    Like

    • tuttofaunpomale2 says:

      Grazie Sable, buon 2015 anche a te!
      ma che notizia terribile mi dai, guarda che in fondo le review le scrivo per te (e il Ripa of course) che sei la mia unica lettrice, se abbandoni i libri a che servirebbero le mie implacabili stroncature ed appassionate lodi? un abbraccio!

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s